MALVA ESITANTE

Berlin, 2019



















“Le bratelle color malva si vedono appena sulla camicia azzurra, son cancellate, nascoste dell’azzurro ma è una falsa umiltà, in realtà non si lasciano dimenticare, mi irritano con la loro testardaggine di montoni, come se, partite per diventare viola, si fossero arrestate a mezza strada senza rinunciare alle loro pretese. Vorrebbe voglia di dir loro: - Avanti, diventate viola e non se ne parli più-. Ma no, restano in sospeso, ostinate nel loro sforzo incompiuto.
Talvolta l’azzurro che le circonda scivola su di esse e le ricopre completamente: non le vedo più per un istante; ben presto l’azzurro impallidisce, qua e la, e vedo riapparire degli isolotti d’un malva esitante, che s’allargano e si riuniscono e ricostituiscono le bratelle.”


                        La Nausée -  Jean-Paul Sartre